Utilizziamo cookies per migliorare la vostra esperienza sul nostro sito. Continuando a visitare questo sito, l'utente accetta l'utilizzo dei cookies.

Pubblicità
Pubblicità

Camorra: sequestrati beni per oltre 20 mln a tre imprenditori

E' di oltre 20 milioni di euro il valore dei beni sequestrati tra Napoli, Milano e la Svizzera dagli uomini della Dia di Napoli ai fratelli Bruno, Salvatore e Assunta Potenza, imprenditori vicini alla camorra.

dia350Il provvedimento è stato emesso dal Tribunale di Napoli - Sezione Misure di Prevenzione, su proposta del direttore della Dia. Dalle indagini è emerso che i fratelli Potenza hanno impiegato in imprese economiche e immobiliari il denaro proveniente da attività illecite, tra cui usura, estorsioni, riciclaggio e associazione per delinquere, reati per i quali gli stessi hanno subito anche diverse condanne. Ciò ha consentito loro di accumulare, negli anni, un ingente patrimonio, reinvestito in numerosi immobili e locali commerciali che si trovano nel napoletano e nel milanese.

Il sequestro di oggi ha interessato innumerevoli unità immobiliari, 6 società e 3 partecipazioni societarie (tra cui il noto ristorante "Donna Sophia dal 1931" in centro a Milano e la sala ricevimenti già nota come "Villa delle Ninfe" a Pozzuoli), autoveicoli, 66 depositi bancari nazionali ed esteri (per i quali è stata, peraltro, formulata specifica richiesta di assistenza alla Procura Federale Elvetica) e 5 polizze, per un valore complessivo di oltre 20 milioni di euro.

Pubblicità